Problematiche di Coppia

Pubblicato il da

coppia problematiche

 

Una coppia quando diventa tale non è più semplicemente la somma di due individui.

 

 

Il nuovo soggetto, il “noi”, è infatti un prodotto che nasce dall’interdipendenza, dalle interazioni, dalle correnti di emozioni e pensieri circolanti e dai “sogni” reciproci che definiscono la forma stessa del legame e cementano la sua tenuta. Ogni coppia nasce, si fonda e si mantiene infatti, come in una sorta di danza allo stesso ritmo, sulla base di un “contratto” che in parte è “esplicito” ai due membri (ad esempio convivere o sposarsi, comprare casa o andare in affitto, avere o meno dei figli e quanti etc) ed in parte “implicito” (legato tanto a cosa chiedo ed a cosa mi aspetto dall’altro in termini di soddisfazione di personali bisogni di cura e di affiliazione quanto a come io mi pongo verso i bisogni dell’altro di attaccamento/accudimento).

Quali possono essere i motivi per cui una coppia entra in una crisi tale che non le permette di trovare  risorse interne di risoluzione fino a dover decidere di intraprendere una Psicoterapia di Coppia? Proviamo ad elencarne almeno tre che nella mia pratica clinica risultano essere particolarmente diffusi tra le coppie che decidono di chiedere aiuto ad un Professionista della Salute.

Spesso, tra le cause della crisi, si ritrova la violazione da parte di uno dei due delle “clausole” del contratto: ad esempio, un partner inizialmente “dipendente” dopo un percorso personale potrebbe essere stanco di giocare il ruolo di quello sempre acquiescente e decidere di cambiare il ritmo del ballo. Oppure, una moglie che aveva inizialmente accettato di buon grado di lasciare il lavoro per dedicarsi alla cura della casa a tempo pieno può ad un certo punto decidere di rimettersi in cerca di occupazione.

Un altro motivo frequente di crisi può ritrovarsi nel fallimento, da parte di uno dei membri o di entrambi, del fisiologico processo di svincolo dalle rispettive famiglie di origine: in questi casi l’ombra lunga delle generazioni precedenti può alterare gli equilibri della coppia o, addirittura in alcuni casi, ostacolarne totalmente l’intimità assorbendo l’energia e le risorse mentali ed emotive del partner ancora invischiato nel ruolo di figlio/a.

Infine, non è da trascurare il ruolo che eventi avversi di grave natura quali malattie, licenziamenti, traversie economiche, lutti o eventi belli ma complessi come la nascita di un figlio programmato e desiderato possono giocare sul benessere mentale degli individui aumentando i livelli di stress e di disagio emotivo tanto del singolo quanto della coppia che dovrà spesso re-imparare a danzare ad un nuovo ritmo, a volte totalmente diverso dal precedente.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •